In Evidenza

Il Barolo vino ricco ed armonioso, uno dei “grandi rossi italiani” che nasce nelle Langhe, nell’omonima città Barolo. Vino rosso ottenuto da uve Nebbiolo al 100%. Il Nebbiolo...
Il Nuragus è uno dei vitigni più antichi presenti nell’ isola sarda; viene coltivato in particolare nella provincia di Cagliari dove copre circa il 40% della coltivazione di vite....
Il Frappato è un vitigno a bacca rossa presente in tutta la Sicilia, ma in maniera maggioritaria nella provincia di Siracusa e in quella di Ragusa; molto antico, le sue prime notizie ne traccia...
Il vitigno chardonnay è uno dei vitigni a bacca bianca più coltivati al mondo. Le sue origini non sono sicure, alcuni studiosi sostengono abbia radici mediorientali, secondo altri nasce...

Vino Rosso

Il Barolo vino ricco ed armonioso, uno dei “grandi rossi italiani” che nasce nelle Langhe, nell’omonima città Barolo.  Vino rosso ottenuto da uve Nebbiolo al 100%.

Il Nebbiolo viene coltivato nella zona del Barolo da metà ottocento, per merito di Camillo Benso Conte di Cavour e di Giulia Colbert Falletti, ultima marchesa di Barolo, destinato a diventare l'ambasciatore del Piemonte dei Savoia nelle corti di tutta Europa. A rendere importante il Barolo  è la sua struttura che esprime un bouquet complesso e avvolgente, in grado di svilupparsi nel tempo senza perdere le sue caratteristiche intrinseche anche fino a 20 anni. Vino invecchiato per almeno 3 anni, di cui 1 e mezzo in legno di rovere, che dopo soli cinque può fregiarsi della denominazione “Riserva”. 

Dallo stretto legame fra le peculiarità del vino e i gusti nobiliari del XIX secolo è anche detto “il re dei vini, il vino dei re”.  Color rosso intenso, profumo fruttato e speziato sia al naso, sia in bocca ricorda i piccoli frutti rossi, le ciliegie sotto spirito e la confettura, ma regala sentori di rosa e viola appassita, cannella e pepe, noce moscata, vaniglia e talvolta liquirizia, cacao, tabacco e cuoio.

Gli abbinamenti migliori del vino Barolo sono con piatti di carne rossa, brasati, cacciagione, selvaggina, cibi tartufati, formaggi a pasta dura e stagionati.  

Il Barolo dà il nome anche ad un museo del Vino e a diversi eventi di degustazione organizzati ogni anno nelle Langhe, passando per fantastici paesaggi collinari tra cui Barolo, Castiglione Falletto, Grinzane Cavour, Novello, Roddi, Serralunga d’Alba, Sinio e Verduno.

Il Barolo ha inoltre dato i natali ad una versione dolce ed aromatizzata da “meditazione”: Barolo Chinato.
Prodotto aggiungendo al Barolo DOCG zucchero ed alcol etilico nel quale sono state fatte macerare diverse spezie, come la corteccia di China calisaia, radice di rabarbaro e di genziana, e seme di cardamomo.  All'aromatizzazione segue un affinamento in botte di circa un anno.

Nasce nella zona di produzione del Barolo, a Serralunga d'Alba, alla fine dell'800, per opera di Giuseppe Cappellano. Nella tradizione veniva utilizzato come antidoto per il raffreddore (caldo come vin brulè) e come digestivo. Per la gradazione alcolica tra i 16 e i 17 gradi, il contenuto aromatico ed il gusto dolce-amaro oggi viene usato come fine pasto, ottimo in abbinamento al cioccolato amaro. 

 

Il Bonarda è un vitigno a bacca rossa che molto spesso è stato scambiato con l’ Uva rara e la Croatina. 

Le prime notizie di questo vitigno si hanno gia nel 1700, quando si trovano i primi riferimenti negli scritti piemontesi, successivamente viene ancora descritta come uva del torinese, ma solo nel 1877 viene differenziata dalle altre uve ritenute geneticamente uguali. 

La bonarda piemontese è un vitigno autoctono che però sta andando estinguendosi e viene oggi utilizzato perlopiù per tagli con il barbera; coltivato prevalentemente nel piemontese, ed in particolare nel torinese, si è anche sviluppato, non tantissimo però, anche nella zona del pavese.

Il vitigno si presente con grappoli di grosse dimensioni e alato, mentre l’ acino ha piccole dimensioni, con buccia pruinosa di forma ovale, il colore è blu scuro quasi nero; è un vitigno molto forte e fertile, che preferisce terreni argillosi ed una potatura mista. Il vino che si ottiene da un colore rosso molto intenso, con riflessi violacei, mentre al naso si presenta fortemente speziato, con un sapore leggermente frizzante, asciutto e poco tannico, non molto strutturato.

 

Focus Milano

  Santo a cui è devoto il popolo milanese è Sant’Ambrogio (sant Ambroeus), la cui basilica è una delle...
  Il Cimitero monumentale di Milano racchiude in sé atmosfere bizantine, gotiche e romaniche dovute alla...
  La cucina milanese è fortemente caratterizzata dagli elementi del territorio, quali la risicoltura...
  Il Duomo di Milano è per eccellenza il simbolo della fierezza lombarda con la sua “Madunnina” d’oro che...
  Altra particolarità che caratterizza la città di Milano è costituita dai Navigli, una serie di...
  Chi volesse godere di una passeggiata nel verde può percorrere i viali del più grande tra i parchi...
    Porta Romana è una delle sei porte principali di Milano, costruita nel 1596 su progetto di Martino...
  Il Teatro della Scala è la sede di esibizione delle più grandi opere musicali e di danza e...
  Alla destra del Duomo troviamo Palazzo Reale, nato inizialmente come sede del governo della...

Expo 2015

 Expo 2015 (ufficialmente Esposizione Universale Milano 2015) ha come tema "Nutrire il pianeta, energia per la vita" ed avrà luogo a Milano tra il 1º maggio e il 31 ottobre 2015.
 
Scroll to top