In Evidenza

Il Barolo vino ricco ed armonioso, uno dei “grandi rossi italiani” che nasce nelle Langhe, nell’omonima città Barolo. Vino rosso ottenuto da uve Nebbiolo al 100%. Il Nebbiolo...
Il Nuragus è uno dei vitigni più antichi presenti nell’ isola sarda; viene coltivato in particolare nella provincia di Cagliari dove copre circa il 40% della coltivazione di vite....
Il Frappato è un vitigno a bacca rossa presente in tutta la Sicilia, ma in maniera maggioritaria nella provincia di Siracusa e in quella di Ragusa; molto antico, le sue prime notizie ne traccia...
Il vitigno chardonnay è uno dei vitigni a bacca bianca più coltivati al mondo. Le sue origini non sono sicure, alcuni studiosi sostengono abbia radici mediorientali, secondo altri nasce...

 

STATI UNITI DI AMERICA

 

Quarto paese più esteso al mondo e terzo più popolato, gli Stati Uniti di America, confermano altresì, il loro primato nell’economia mondiale. Un luogo magico quello degli USA, da sempre, terra di conquista e leggenda. Paese di megalopoli e villaggi tribali. Un volto di contrasti e ossimori che, nei secoli ha dato i natali a grandi esploratori, uomini politici, miti, divi, leggende. Ed ha visto anche, succedersi donne e uomini di etnie diverse che hanno segnato la storia di questa terra. Le 50 piccole stelle bianche a cinque punte, disposte su nove file da sei o cinque stelle che si alternano nella celebre bandiera statunitense,  rappresentano i 50 Stati federati appartenenti agli Stati Uniti, mentre le 13 strisce rappresentano le colonie originarie.

Il contrasto tra i diversi paesi, e le svariate etnie che hanno da sempre contraddistinto il melting pot statunitense, e il meticciato che da caratterizza gli USA, viene riscontrato anche nella tradizione culinaria.

 

L’importanza del cibo in America ha una strettissima collaborazione con il modus vivendi dei suoi abitanti: cibo e ritmi frenetici dei lavori diventano un connubio indispensabile per comprendere le modalità con cui gli americani si relazionano con esso.

 

PIATTI TIPICI

 

CHICAGO (Illinois)

 

Cibo simbolo di Chicago è l’hot-dog. Quest’ultimo assume sapori variegati a secondo degli ingredienti con cui viene accompagnato:  yellow mustard (senape gialla); neon green relish (verdure tagliate a pezzetti in agrodolce);   onions (cipolla cruda bianca a pezzettini);     fresh tomato (pomodoro a fette, rosso o verde); kosher dill pickle (cetrioli in salamoia, spesso con aceto di vino e aglio); sport peppers (peperoncini verdi piccanti marinati); ; sale al sedano.

  • Chicago-style deep-dish pizza

Una pizza ripiena di svariate qualità di formaggio, con crosta alta tre centimetri, il tutto cosparso di sugo di pomodoro o tomato.

 

SOUTH CAROLINE

  • Shrimp and grits

Piatto a base di gamberi e semolino con farina di mais. O gamberi e porridge. O gamberi e polenta.

 

CALIFORNIA

 

  • Mission-style burrito

Un burrito farcito con riso, formaggio, salse, e grandi quantità e varietà di carne: dall’agnello alla trippa di manzo alla lingua di vitello.

 

MARYLAND

  • Crab cake

Crocchette impastate con pane, uova e polpa di granchio e  fritte nel burro.

GEORGIA

  • Peach pie/cobbler

Una torta ripiena di pesche.

LOUISIANA

  • Gumbo zuppa a base di okra, carne (pollo o salsiccia) e frutti di mare.

FLORIDA

  • Key lime pie

Tortina a base di biscotti sbriciolati e ripieno di latte condensato, succo e scorza di lime, guarnita con panna.

NEW MEXICO

  • Stacked enchilada with green chile

 

Pollo, tortillas di mais, formaggio e spezie impilati. E soprattutto green chile per chi ama sapori forti.

 

OREGON

  • Marionberry pie

 

Una torta di marionberry, varietà selvatica di mirtillo neri senza semi, ancora più dolce e succoso del blueberry.

 

RHODE ISLAND

  • Hot wieners

 

Hot dog cosparso di senape e mix di spezie.

KENTUCKY

  • Burgoo

     stufato e di maiale, manzo, cosce di pollo, brodo, fagioli, mais, salsa Worchester.

NORTH CAROLINA

  • Pulled pork barbecue

 

Il termine pulled pork indica un metodo di cottura della carne di maiale tanto lento da renderla tenera e sfilacciata.

MASSACHUSSETS

  • New England clam chowder

Una specie  di zuppa di pesce a  base di vongole e patate a cui viene aggiunta pancetta e un po’ di panna.

TENNESSEE

  • Memphis-style ribs

Costoline di maiale affumicate e sommerse nell’imprescindibile salsa agrodolce. La variante del Tennessee è più sobria: si possono mangiare anche solo strofinate con sale e spezie.

  • West Virginia slaw dog (West Virginia).

Altra variazione sul tema dell’hot dog. In Virginia ci aggiungono il coleslaw, insalata di cavolo e carote condita con una salsa allo yogurt.

COLAZIONE

Uno dei pasti fondamentali del menù degli USA riguarda certamente la colazione, meglio conosciuta come  continental breakfast, american breakfast o semplicemente brunch.

La  drink list del mattino comprende certamente il caffè che si distingue in black coffee (caffè nero) o brown coffee (caffè bruno). A seguire vi sono il tè verde, latte o succo d’arancia. La bevanda viene accompagnata con pane bianco tostato e imburrato, oppure cereali, uova, pancake, uova al tegamino, bacon (pancetta) fritto, patate fritte. Molto apprezzate sono le cosiddette French Fries, ovvero le patate grattugiate e gratinate al forno. Durante il brunch è possibile altresì mangiare  salsicciotti o prosciutto cotto. La scelta ricade anche sui dolci quali pancakes con sciroppo d’acero o muffin. I bambini, invece, solitamente mangiano corn flakes (cereali) con latte freddo.

 

Il brunch è un momento essenziale della giornata, proprio come frequentemente ci viene rappresentato nei film hollywoodiani. La famiglia si raduna per omaggiare il rito della colazione - molto lunga e molto sostanziosa - composta da numerose portate. Solitamente viene consumata in casa, chiacchierando e leggendo il giornale domenicale.

 

Questo genere di colazione ha origini molto antiche poiché risale alla tradizione coloniale dei contadini e dei pionieri, soprattutto del West. Era infatti abitudine e buona norma, prima di andare a lavorare per l’intera giornata, assicurarsi il giusto nutrimento e le dovute energie già alla mattina presto, per via del fatto che il pranzo era assai misero e leggero e pertanto si sarebbe dovuta attendere la sera per mangiare, nuovamente qualcosa di sostanzioso e di caldo. In queste abitudini antichissime si riflette ancora oggi il comportamento alimentare degli Americani: colazioni sostanziose, pranzi fugaci e leggeri, cene abbondanti.

 

Tuttavia, data la vastità sia geografica che culturale degli Stati Uniti, va notato che molte sono le differenze, anche riguardo alla colazione, a seconda della zona in cui ci si trova. Per esempio, nel New England (Maine, Connecticut, Rhode Island), e in Arizona  è più facile trovare a colazione dolci quali muffins  ai mirtilli, pancakes, cookies, ciambelle, biscotti vari.

 

Anche a New Orleans la colazione è molto più all’inglese che all’americana. Nelle Hawaii, invece, la colazione assume sapori molto più forti: salsiccia piccante, uova strapazzate con salsa al peperoncino e palline di riso.

CARNE Una cucina tradizionale affonda il palato nelle note Steack House (case della bistecca). Ottimi piatti americani si propongono infatti, a base di carne. Il manzo è molto apprezzato per il suo sapore unico che riesce ad accontentare i gusti più disparati, a secondo della cottura: rare, quasi al sangue, medium per una cottura normale e well done per chi la preferisce ben cotta.

CONTORNI: I piatti a base di carne sono accompagnati da verdure al vapore, insalate o patatine fritte.  

 

PESCE: I piatti a base di pesce e prodotti caseari invece, li ritroviamo per lo più nel New England in una delle regioni più settentrionali degli Stati Uniti, grazie alla tradizionale attività della pesca e alle ricche fattorie delle regioni interne.

I piatti tipici sono quelli a base di aragosta, particolarmente apprezzati nel  Maine e nel New Hampshire.

Il Massachusetts è anche conosciuto per i pesci freschi e, per la frutta come mele e cranberries (mirtillo rosso) di cui gli Stati Uniti sono i maggiori produttori al mondo; mentre l'Apizza è tra i piatti tipici del Connecticut (si tratta di una rivisitazione della pizza napoletana).

COLTIVAZIONI E PRODOTTI CASEARI Il Vermont dall'altra parte è conosciuto per essere uno dei maggiori produttori di formaggio tipo cheddar, un prodotto a pasta dura e colore giallo, che si differenzia dall'originale inglese del Somerset per essere più chiaro e soffice.

Scendendo verso l'America del sud, e in particolare nel Kentucky, troviamo una cucina ancora una volta differente e che ricopre in gran parte i prodotti alimentari e tradizionali del sud. Alcuni piatti più  comuni sono rappresentati per esempio dal pesce gatto frittopane di maispomodori verdi fritti, formaggio grana, i fagiolini verdi e cavoli. In aggiunta a questo, il Kentucky è noto un suo proprio stile regionale di fare il barbecue: uno stile di griglia unico in sé, dato che utilizza montone. Nello Stato sono noti anche in particolari i piatti tipici di Louisville, luogo d'origine di gustosissimi sandwich come lo Hot Brown (servito caldo e tostato, con carne di tacchino e bacon e ricoperto di una tipica salsa Mornay, simile alla besciamella).

 

DOLCI: Sono diversi i dolci americani a cui potreste andare incontro durante il vostro viaggio culinario negli States. La scelta è varia soprattutto in merito i dolci tipici degli States. Troviamo le classiche torte, il cheese Cake di New York, a base di formaggio fuso, solitamente la philadephia cosparso di uno strato sottile di cioccolata o confettura ai frutti di bosco. Particolarmente interessanti risultano anche le double chocolate cake: pan di spagna ricoperto di cioccolata di panna montata. Tra i dolci tipici non può mancare il Pumpkin Cake, e cioè il dolce di zucca, servito per l'occasione e in particolare durante i festeggiamenti di Halloween. Celebri anche le paste fritte stile Doughnut, popolari in diverse altre parti del mondo, sono ricoperte da una  varietà di cioccolata, glassa, scaglie di cocco. Corrispondono alle zippole italiane o ai bomboloni con il buco in mezzo.  Una sorta di ciambella altrettanto popolare è quella originaria dalle Hawaii e detta Malasada, la cui origine è portoghese (isole Azzorre). 

Durante le festività pasquali  si compongono piatti molto semplici, tra cui prosciutto al forno e contorno di patate e verdure. Il Venerdì Santo, tradizione vuole che si mangino i caldi 'hot cross buns': dolci pagnotte fatte con farina speziata,  uvetta e, canditi agli agrumi; le ciambelle vengono decorate con pasta bianca che va formare una croce, simbolo della crocifissione.

CURIOSITA’ DELLA TRADIZIONE PASQUALE: Durante la tradizione pasquale, uno dei giochi in uso tra i bambini e giovani americani, per l’occasione, sono le 'Egg Rolling', letteralmente l'uovo che rotola. La tradizione ha avuto inizio proprio dalla 
Casa Bianca di Washington DC, quando l'allora First Lady Dolley Madison, nel 1814 ebbe modo di organizzare l'evento nel giardino posteriore del palazzo. Da allora, l'evento pasquale divenne uno dei più grandi e antichi avvenimenti annuali della Casa Bianca americana. La tradizione vuole che ogni anno, a Pasqua, i bambini americani vadano in cerca, nel giardino, delle uova pasquali, che la leggenda vuole siano state nascoste da un coniglietto (Easter Bunny).
 

VINIvini americani sono considerati generalmente di buona qualità a differenza dei prezzi che spesso vengono ritenuti non sempre vantaggiosi. Il Nord America ha una lunga tradizione vinicola, pur non essendo mai stato quotato in qualità. La California è considerata la "terra del vino", e si produce un’ottima qualità di rossi: Cabernet Sauvignon dal colore rosso rubino intenso, il gusto asciutto, un po’ tannico e  il profumo è gradevole, grazie ad un aroma erbaceo. I coloni hanno introdotto il whiskey che è diventato un tipico prodotto della regione con due varianti: bourbon whiskey e tennessee whiskeyJack Daniel's è la più famosa distilleria del Sud Est.

Sulla costa occidentale della California si produce la migliore qualità di Cabernet Sauvignon; seguito dai vini del Napa ValleySonoma Valley o della contea di Mendocino.   Syrah, termine sinonimo del caratteristico “verde” della valle del Rodano o dell'Hermitage, risultano eleganti d’aspetto, ricchi di un sapore fruttato. Gli esperti del settore dicono che i vigneti del Syrah si adattano meglio alle zone dal clima fresco dove si producono vini dal profumo gradevole e dal gusto tannico.

La California vanta una produzione di vino nettamente superiore rispetto alle regioni limitrofe. La Yakima Valley, dall'altra parte, godendo di un clima mite, ha sviluppato anch’essa una buona produzione di questa qualità di rosso. Questo è il motivo per cui molti esperti wine-makers, i produttori americani, apprezzano le aree degli stati citati, in quanto caratterizzate non solo da un clima piacevole ma anche da un’alta percentuale di fertilità del territorio coltivabile.

 

AGRICOLTURA:  Nel Nord-Est del Paese vediamo la presenza di allevamenti di bestiame da latte, nella catena dei monti Appalachi, compresa l’ampia zona dei laghi. Un tipo tale di territorio porta il nome di dairy belt. Vi troviamo inoltre la wheat belt , ovvero la ‘cintura’ del grano, che si trova nella parte centrale del Paese, con un clima secco che limita la possibilità di ottenere una produzione varia. Il grano, infatti, è prodotto nella contea del Minnesota e negli Stati del Dakota e del Montana. In Texas, nel Kansas e in Oklahoma il grano si coltiva in autunno mentre nell’area dell’Indiana,IllinoisIowa e Nebraska, zone caratterizzate da un clima mite tutto l’anno, è chiamata corn belt, cintura del granturco, dove gli Stati Uniti detengono il primato mondiale della produzione. Negli ultimi anni anche la produzione di soia ha raggiunto ottimi risultati, basta notare che la stessa definizione dell’area assume una denominazione duplice: cioè anche quella di soy belt.

 

La cotton belt, cintura del cotone, è ormai del tutto esaurita, si estendeva fino alle aree più a Sud, mentre oggi si limita alle aree del Texas e del Mississippi, insieme con Arizona eCalifornia. Le aree che un tempo vantavano un’ottima produzione del cotone, le quali godono di un clima favorevole alla coltivazione, oggi producono nuovi prodotti quali tabaccorisoarachidi – non dimentichiamo uno dei prodotti tipci degli States, il burro di arachidi - e canna da zucchero, molto richiesti sul mercato.

 

L'orticoltura è, invece, praticata nel Nord-Est del Paese, nei pressi delle grandi Metropoli americane. In California e in Florida l’orticoltura viene praticata con ottimi riscontri commerciali in quanto la domanda di prodotti deperibili, subito consumabili, è ampia. Il legname ricavato dalle foreste è una notevole fonte di ricchezza per l'America, che con una presenza di circa 300 milioni di ettari di aree che sfruttate per circa 500 milioni di metri cubici di produzione del prodotto su scala annuale.

 

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, l'economia degli Stati Uniti genera un PIL annuo di 16 245 miliardi di dollari, che costituisce il 22% del prodotto interno lordo mondiale ai prezzi di mercato, e quasi il 20% del prodotto mondiale lordo a parità di potere d'acquisto (PPA).

Gli USA costituiscono la più grande economia statuale del pianeta in termini di PIL. Gli Stati Uniti sono il più grande importatore di merci e il terzo maggiore esportatore, anche se le esportazioni pro capite sono relativamente basse. CanadaCinaMessicoGiappone e Germania sono i principali partner commerciali.

 

 

Le principali merci di esportazione sono macchinari elettrici. Grazie alle immense font di ricchezza delle risorse minerarie, gli USA sono un Paese autosufficiente per la maggior parte delle materie prime. I principali centri dell'industria meccanica sono Chicago e Detroit. In California, oltre all'industria cinematografica di Hollywood, si trova un'alta concentrazione di aziende specializzate nel comparto delle nuove tecnologie e dell'informatica.

Ti potrebbe interessare:

Live Wine 2018, Milano. L'evento del Vino Artigianale Live Wine 2018, Milano. L'evento del Vino Artigianale
Oltre 150 produttori da tutta Italia e dall’estero vengono a far conoscere i loro vini, tutti...
Marmellata di cedro Marmellata di cedro
  Dall'Asia sud orientale alle coste del Mediterraneo, viaggiando probabilmente su navi...
Marmellata di Bergamotto Marmellata di Bergamotto
Il bergamotto non è un frutto facile da trovare, non è normalmente messo in vendita...
Libri e Marmellata Libri e Marmellata
In una intervista del 1982, Alberto Sinigaglia chiede ad Italo Calvino: "L' umanità sarà ancora...
Marmellata di clementine Marmellata di clementine
Conosciute comunemente anche come mandarancio, le clementine sono uno dei frutti più venduti...
Marmellata di arance Marmellata di arance
Famosa nel mondo, soprattutto nella sua versione inglese (la ‘’marmalade’&rsquo...

Focus Milano

  Santo a cui è devoto il popolo milanese è Sant’Ambrogio (sant Ambroeus), la cui basilica è una delle...
  Il Cimitero monumentale di Milano racchiude in sé atmosfere bizantine, gotiche e romaniche dovute alla...
  La cucina milanese è fortemente caratterizzata dagli elementi del territorio, quali la risicoltura...
  Il Duomo di Milano è per eccellenza il simbolo della fierezza lombarda con la sua “Madunnina” d’oro che...
  Altra particolarità che caratterizza la città di Milano è costituita dai Navigli, una serie di...
  Chi volesse godere di una passeggiata nel verde può percorrere i viali del più grande tra i parchi...
    Porta Romana è una delle sei porte principali di Milano, costruita nel 1596 su progetto di Martino...
  Il Teatro della Scala è la sede di esibizione delle più grandi opere musicali e di danza e...
  Alla destra del Duomo troviamo Palazzo Reale, nato inizialmente come sede del governo della...

Expo 2015

 Expo 2015 (ufficialmente Esposizione Universale Milano 2015) ha come tema "Nutrire il pianeta, energia per la vita" ed avrà luogo a Milano tra il 1º maggio e il 31 ottobre 2015.
 
Scroll to top