In Evidenza

Il Barolo vino ricco ed armonioso, uno dei “grandi rossi italiani” che nasce nelle Langhe, nell’omonima città Barolo. Vino rosso ottenuto da uve Nebbiolo al 100%. Il Nebbiolo...
Il Nuragus è uno dei vitigni più antichi presenti nell’ isola sarda; viene coltivato in particolare nella provincia di Cagliari dove copre circa il 40% della coltivazione di vite....
Il Frappato è un vitigno a bacca rossa presente in tutta la Sicilia, ma in maniera maggioritaria nella provincia di Siracusa e in quella di Ragusa; molto antico, le sue prime notizie ne traccia...
Il vitigno chardonnay è uno dei vitigni a bacca bianca più coltivati al mondo. Le sue origini non sono sicure, alcuni studiosi sostengono abbia radici mediorientali, secondo altri nasce...
Carne di maiale sulla griglia

 

La carne di maiale può assumere caratteristiche differenti in base a:

- età dell’animale. La carne di un maiale fino a tre mesi (la classica porchetta) è più tenera e ha un sapore meno intenso rispetto a quella di un animale adulto;

- alimentazione dell’animale. I maiali che raggiungono un peso di oltre 150 chilogrammi (suino pesante) presentano una carne più grassa e vengono generalmente macellati per la produzione di salumi e insaccati;

- tipo di allevamento (casalingo, industriale, biologico. La carne migliore è quella ottenuta dall’allevamento casalingo e biologico, ma quest’ultimo aumenta notevolmente il costo del prodotto).

La carne di maiale offre un elevato apporto di proteine e di lipidi, il cui numero varia secondo il tipo di alimentazione e l’età dell’animale macellato.

Ma come scegliere una buona carne? La qualità del maiale dipende dal colore della carne (che non deve essere troppo scuro), dalla presenza di filamenti di grasso (che la rendono più morbida e più gustosa) e dalla capacità di trattenere liquidi.

Si ricorda che la carne di maiale richiede una cottura adeguata (almeno 70°)  per azzerare la nocività di eventuali parassiti e batteri naturalmente presenti nell’animale vivo.

 

I tagli di carne suina

In base al tipo di sezionamento dell’animale durante la macellazione si distinguono diversi tipi di tagli:

Cotenna. È la pelle del maiale usata per cotechini e zamponi (le zampe dell’animale spesso vengono svuotate e usate come “contenitori” per questi ultimi);

Costine;

Lonza. È la parte più magra del maiale (la classica bistecca senz’osso);

Pancetta. 

 

Altre parti dell’animale vengono usate con altri scopi:

Guanciale. Il suo grasso è utilizzato per la produzione di salumi;

Spalla, dalla quale si ricava la spalla cotta;

Coscia. Viene utilizzata per la produzione di prosciutti cotti, prosciutti crudi e salami.

L’Italia è uno dei Paesi con la maggiore produzione di salumi pregiati, alcuni dei quali hanno ottenuto il marchio DOP o IGP.

 

Focus Condimenti

Un banco con vari tipi di spezie in un bazar turco
L'uso di spezie ed erbe aromatiche in cucina si perde nella notte dei tempi. Le prime...
Botti per l'invecchiamento dell'aceto balsamico
L’aceto di vino è prodotto dal vino bianco o rosso ed è uno dei principali condimenti usati per...
Olive toscane
Prodotto alimentare tipico dell’area mediterranea, l’olio di oliva è il condimento più...

Expo 2015

 Expo 2015 (ufficialmente Esposizione Universale Milano 2015) ha come tema "Nutrire il pianeta, energia per la vita" ed avrà luogo a Milano tra il 1º maggio e il 31 ottobre 2015.
 
Scroll to top